Ecco qualche trucco veloce per rimediare ad una zuppa o una minestra rimasta troppo liquida

Con l’arrivo dell’autunno e delle prime serate fredde e piovose non c’è nulla di meglio che gustare una zuppa o un minestrone caldo: ma se alla fine della cottura ci rendiamo conto che è rimasta troppo liquida?

Vediamo come rimediare a questo piccolo inconveniente con qualche trucco semplice e veloce.

addensare le zuppe

addensare-le-zuppe

Esistono vari modi per addensare le zuppe, sia aggiungendo qualche ingrediente sia variando la cottura, vediamo come procedere secondo i casi.

Il primo metodo, il meno impegnativo anche, consiste semplicemente nel proseguire la cottura alzando velocemente il fuoco fino a far evaporare l’acqua in eccesso, ma è adatto solamente alle minestre e zuppe molto acquose e che non contengono cereali o legumi che si stracuocerebbero.

Il secondo metodo, perfetto per le zuppe di legumi e i minestroni passati prevede l’aggiunta di farina di mais stemperata in acqua e incorporata poco prima della fine della cottura. La farina di mais ha il pregio di essere molto fine e poco saporita, quindi non va a coprire il gusto della zuppa e la rende piacevolmente corposa senza rovinare il risultato finale.

Se vogliamo però rimediare a cottura già ultimata e non abbiamo voglia di  aggiungere alcun ingrediente possiamo semplicemente arrostire dei crostini in padella (scopri qui quali sono le padelle più adatte per ogni uso) con un filo d’olio e sale aromatizzato alle erbe e gustarli insieme alla zuppa mettendoli sul fondo del piatto e versandola sopra di essi.

Al contrario, se ci accorgiamo dell’errore in tempo e non siamo ancora vicini alla fine della cottura possiamo aggiungere dei legumi in scatola precedentemente frullati e mescolarli con la nostra zuppa. In questo modo otterremo un brodo denso e saporito oltre che ricchissimo di vitamine che arricchirà il piatto rendendolo completo di tutti i gli elementi nutritivi necessari.