Quali sono le caratteristiche del latte di soia e le sue proprietà benefiche per il corpo

Il “latte” di soia è forse la più conosciuta tra le bevande vegetali utilizzate al posto del latte vaccino, e così come le altre la definizione di latte si riferisce solamente all’aspetto visivo che lo rende a prima vista simile al vaccino.

proprietà del latte di soia

proprietà-del-latte-di-soia

La soia è un legume molto diffuso nel mondo, specialmente in Asia, e il latte di soia è solo uno dei tanti prodotti che derivano dalla sua lavorazione. La soia è il primo sostituto vegetale dei prodotti di derivazione animale ed è venduto in tantissime forme e per tantissimi utilizzi.

Il latte derivato da questo legume si ottiene con la macerazione in acqua dei fagioli di soia, e tramite una serie di lavorazioni successive si ottiene la bevanda vera e propria.

Nutrizionalmente le caratteristiche del latte di soia sono molto simili a quelle del latte vaccino, ma ha il vantaggio di non contenere grassi saturi se non in percentuali inferiori allo 0% e una digeribilità molto maggiore grazie alle proteine vegetali che sono molto più facilmente assimilabili di quelle animali del latte vaccino grazie all’assenza delle caseine. La presenza di vitamine e amminoacidi essenziali rende il latte di soia adatto per il consumo frequente come alternativa al latte vaccino, non solo per gli intolleranti al lattosio, ma anche per chi segue una dieta vegana che spesso è carente di alcuni elementi nutrizionali.

L’aspetto invece più dibattuto sul consumo di latte di soia è la presenza di fitoestrogeni, ormoni vegetali che possono interferire con il funzionamento della tiroide specialmente in soggetti già predisposti. Per questo motivo l’utilizzo nell’alimentazione infantile è sconsigliato, così come in gravidanza e allattamento, mentre nelle donne in menopausa potrebbe risultare d’aiuto per tenere sotto controllo gli sbalzi dovuti ai cambiamenti ormonali.

Per essere sicuri di consumare un prodotto che apporti dei benefici è comunque sempre meglio utilizzare bevande derivate dalla soia di agricoltura biologica e non OGM possibilmente italiana.