Sequestro di locali per commercio clandestino di prosciutti polacchi etichettati con marchi di aziende italiane

È stato scoperto un laboratorio clandestino interrato dai carabinieri della stazione di Villaricca (Napoli), dove venivano disossati prosciutti provenienti dalla Polonia ed etichettati con marchi di aziende italiane, tra queste anche quella del prosciutto di Parma, per poi venduti in commercio con prezzi molto convenienti.

sequestroprosciutti

I responsabili di questo commercio clandestino, erano una signora di 52 anni e un signore di 54 anni entrambi residenti di Villaricca, che una volta scoperti sono stati subito arrestati per frode in commercio, attività abusiva di vendita all’ingrosso di prodotti alimentari di salumeria, violazioni delle leggi amministrative e sanitarie che contollano la somministrazione di alimenti ai consumatori.

I militari stanno approfondendo le indagini per scoprire come e in quali punti vendita avveniva il commercio illegale dei prosciutti, e hanno sequestrato, nei locali riservati abusivamente alla lavorazione dei salumi, tutte le attrezzature utilizzate per la manipolazione del prodotto importato dall’estero come frigoriferi, coltelli, fermagli, banchi e presse.

Sono state sequestrate anche migliaia di etichette pronte per l’uso e tutto il materiale che serviva per il riconfezionamento.
Ma la cosa peggiore dei locali sequestrati in cui venivano lavorati i prodotti alimentari, era la mancanza di condizioni igienico sanitarie.

FONTE: http://www.today.it/cronaca/prosciutti-polacchi-napoli.html