Impariamo a conoscere le qualità e le funzioni delle proteine e gli alimenti in cui si trovano

In una dieta equilibrata devono essere presenti elementi diversi per garantire l’apporto di tutti i nutrienti necessari per far funzionare alla perfezione il nostro organismo, tra i più importanti ci sono le proteine, che svolgono per noi funzioni vitali tra cui la replicazione del DNA e le reazioni metaboliche.

fonti proteiche

fonti-proteiche

Le proteine si dividono in tre categorie:

  • a basso valore biologico
  • a medio valore biologico
  • ad alto valore biologico

Le proteine a basso valore biologico sono quelle presenti nei cereali, e servono al mantenimento dell’accrescimento del corpo, ma non sono sufficienti per garantirne l’aumento. Per sopperire a questa mancanza intervengono le proteine a medio e alto valore biologico presenti in legumi, carne, pesce, uova, latte e derivati.

Dato che il nostro corpo non può fare scorta di proteine è necessario consumarne ogni giorno la quantità giusta per garantire la funzionalità vitali: per un adulto si parla circa di 1 grammo di proteine per ogni kg di peso, ma è sempre bene consultare il medico per avere una dieta personalizzata secondo il proprio fabbisogno.

Le fonti da cui possiamo ricavare le proteine sono di origine animale o vegetale, e sono tutte importanti, vediamo alcuni esempi di alimenti da consumare per garantirne il giusto apporto:

  • legumi secchi (ceci, fagioli, lenticchie, piselli, soia, fave)
  • quinoa (è una pianta erbacea priva di glutine ricca di proteine, si trova sotto forma di semi)
  • carne bianca (pollo, tacchino, coniglio, agnello, capretto, vitello, maiale)
  • carne rossa (cavallo, manzo, bovino adulto, ovini adulti)
  • carne nera (cacciagione, cinghiale, selvaggina)
  • pesce
  • uova
  • latte e derivati
  • frutta secca

E’ importante consumare proteine derivate da diverse fonti, privilegiando quelle vegetali, poi il pesce e le uova e per ultime la carne bianca e quella rossa, possibilmente in tagli magri, senza consumarne in eccesso per evitare patologie che colpiscono fegato e reni affaticati dai processi di smaltimento delle scorie.