Come preparare la pasta fatta in casa per un pranzo tradizionale e gustoso per tutta la famiglia

La pasta fresca è uno dei piatti tradizionali del passato delle famiglie italiane, oggi per mancanza di tempo e possibilità questa tradizione si sta perdendo, ma grazie anche all’aiuto di macchinari che facilitano il lavoro in realtà fare la pasta in casa è molto facile e veloce (Scopri anche come fare il pane in casa senza bilancia).

Vediamo come procedere per l’impasto e per realizzare i diversi formati di pasta.

pasta fatta in casa

pasta-fatta-in-casa

Per prima cosa prepariamo l’impasto, ecco gli ingredienti per 4 persone:

  • 300 grammi di farina 00
  • 100 grammi di farina di grano duro
  • 4 uova
  • sale q.b

Iniziamo mescolando le farine a mano o con un robot, aggiungiamo il sale e poi procediamo con le uova, uno alla volta aggiungendo il successivo solo dopo aver fatto assorbire il primo. Solitamente è necessario 1 uovo per ogni 100 grammi di farina, ma se l’impasto risulta troppo sbriciolato è possibile aggiungerne un altro, viceversa se risulta troppo colloso è meglio aggiungere un po’ di farina per renderlo morbido e omogeneo.

Una volta ottenuto un impasto liscio possiamo iniziare a lavorare la pasta secondo il formato desiderato, se abbiamo a disposizione una macchina per lavorarla sicuramente faremo meno fatica, altrimenti è sufficiente un mattarello e con un po’ di pazienza possiamo lavorare la pasta a mano.

Per formati di pasta particolari è necessario utilizzare delle trafile, ma anche senza possiamo creare diversi formati altrettanto buoni come lasagne, tagliatelle, pappardelle, ravioli, maltagliati e tanti altri. Per questi dobbiamo stendere la pasta su una superficie liscia infarinata fino ad ottenere una sfoglia di circa 2 millimetri di spessore, dopodiché procediamo al taglio arrotolando la sfoglia tagliando le rotelle ottenute per realizzare tagliatelle e simili oppure usando la ruota tagliapasta per maltagliati, lasagne e forme per ravioli.

La pasta fresca si può cuocere subito senza bisogno di farla seccare, ma se vogliamo conservarla è bene tenerla ben distanziata e farla asciugare su un piano infarinato prima di congelarla o metterla sottovuoto.