Il salame risulta non conforme a causa della presenza di tracce di Salmonella di tipo Typhimurium

Per la tutela di tutti i consumatori, Zoratti srl hanno lanciato un comunicato importante su tutto il nostro territorio nazionale, con lo scopo di comunicare la clientela dell’immediato richiamo dal commercio del “Salame Casereccio P.S. c/aglio”, unità di circa 500/600 grammi, lotto di produzione A12, marchio di produzione IT Q1N1Z CE, termine minimo di conservazione del 16/11/17, prodotto dal Salumificio Zoratti presso lo stabilimento situato in via Perugia, n.3, 33010 a Tavagnacco (UD). L’avviso è stato pubblicato anche sul sito web dell’azienda produttrice e del Ministero della Salute.

Il prodotto è stata richiamato dal commercio a scopo preventivo, perchè non è ritenuto conforme a causa di una contaminazione microbiologica dovuta alla presenza di tracce di Salmonella di tipo Typhimurium, serovar (o sierotipo) di Salmonella enterica sottospecie enterica che è responsabile della febbre tifoide.

L’azienda invita tutti gli acquirenti in possesso del salame casereccio all’aglio, appartenente al lotto sopra indicato, a non consumarlo e rivolgersi al punto vendita dove è stato acquistato.