Ecco come pulire e igienizzare la lavatrice per farla funzionare meglio più a lungo

La lavatrice ci aiuta a mantenere pulita la nostra biancheria, ma chi ci aiuta a mantenere pulita la lavatrice?

Scopriamo qualche piccolo accorgimento che garantirà una lunga vita e maggior efficienza al nostro elettrodomestico (Leggi anche “Lavasciuga combinata: pro e contro“).

pulire la lavatrice

pulire-la-lavatrice

A causa dell’uso continuato che generalmente si fa della lavatrice in casa, specialmente le famiglie con bambini, il nostro apparecchio dopo un po’ inizia ad essere meno funzionale e può succedere che non elimini più perfettamente le macchie dai vestiti. Per far tornare al massimo dell’efficienza la lavatrice possiamo seguire alcuni passaggi che garantiscono un miglioramento delle prestazioni e delle funzionalità.

Innanzitutto occorre controllare il filtro e pulirlo periodicamente, all’incirca ogni tre mesi: per accedere al filtro occorre aprire lo sportellino posto sul lato frontale al di sotto dell’oblò (consultate le istruzioni se non sapete dove si trova) e svitare la ghiera che contiene i filtri. Durante questa operazione probabilmente fuoriuscirà dell’acqua quindi è bene tenere qualcosa per tamponarla a portata di mano, poi una volta estratto il filtro lo si può sciacquare sotto l’acqua eliminando tutti i residui prima di riporlo nel suo alloggiamento.

Il passo successivo consiste nella pulizia del cassettino dei detersivi e delle guarnizioni, se non prestiamo attenzione a tutte le pieghe della gomma, infatti, potremo ritrovarci con della muffa all’interno della nostra lavatrice, molto difficile da eliminare una volta formata. Per scongiurare questo problema puliamo tutti gli incavi e gli scomparti del cassetto e dello sportello con uno straccio imbevuto di aceto.

L’ultima operazione riguarda la pulizia e la sanificazione del cestello che può essere effettuata attraverso un lavaggio a vuoto ad almeno 60° (meglio ancora 90° se possibile) versando della candeggina in tutti gli scomparti del cassetto dei detersivi in maniera tale che la candeggina passi attraverso tutte le parti in cui possono esserci dei residui di sapone fino ad arrivare all’interno del cestello.

Dopo l’operazione di lavaggio è sempre meglio effettuare un ciclo di risciacquo per eliminare eventuali rimanenze di candeggina e poi un lavaggio di prova con biancheria da casa resistente ai detergenti.