Tre semplici regole per ottenere un risotto cremoso e saporito anche a casa come nei migliori ristoranti

Il risotto è un piatto tipico di molte regioni, ognuna con la sua variante, ma spesso ci sono molte discussioni su quale sia la maniera più giusta per cucinarlo in modo che sia cremoso e saporito come al ristorante. Ecco quindi tre piccoli suggerimenti per ottenere un risotto gustoso che farà leccare i baffi a tutti gli ospiti!

cucinare il risotto perfetto

cucinare-il-risotto-perfetto

Per cucinare un risotto dal sapore eccezionale basta seguire questi accorgimenti: la scelta del tipo di riso in base alla ricetta, la scelta del brodo che servirà per la cottura e la tecnica di mescolamento.

Bisogna prestare molta attenzione alla scelta del riso in funzione della ricetta che vogliamo cucinare (leggi qui quali sono i tipi di riso più conosciuti e i loro utilizzi) per evitare di compromettere la riuscita del piatto con una consistenza del tutto inadatta e che non si sposa con il sapore del condimento, quindi prima di cominciare assicuriamoci di avere la qualità di riso più opportuna e poi andiamo pure avanti.

Altrettanto importante è il brodo che usiamo per cuocere il riso, deve essere un brodo di carne, vegetale o ottenuto dalle parti di scarto del pesce a seconda del condimento del risotto, ma è assolutamente sconsigliato l’uso del dado specialmente se contiene glutammato. Il brodo deve essere versato sul riso sempre bollente e non freddo, altrimenti rischia di interrompere la cottura del riso in maniera brusca rovinando il risultato finale.

Sulla tecnica di mescolamento, invece, ci sono pareri diversi, i grandi chef sostengono che il riso non vada mescolato con il cucchiaio ma semplicemente facendo ruotare la padella senza interrompere mai la bollitura, ma in casa possiamo permetterci un piccolo strappo alla regola e aiutarci con un cucchiaio di legno forato per evitare incidenti.

Come ultimo tocco da vero chef prima di servire il vostro risotto perfetto battete il fondo del piatto leggermente con il palmo della mano in modo che si adagi nel piatto uniformemente e nel caso fosse troppo secco basta aggiungere un cucchiaio o due di brodo bollente per ottenere un effetto “all’onda“.