Possibile contaminazione di batterio Listeria Monocytogenes nelle confezioni di prezzemolo prodotto in Nuova Zelanda

È stata lanciata un’ allerta alimentare dall’ufficio federale della sicurezza alimentare della Nuova Zelanda, e la notizia è stata subito diffusa dall’agenzia federale lo stesso giorno per la sicurezza della catena alimentare.

ritiroprezzemolo

Il comunicato informa che la società Tasman Bay Herbs Italian Parsley annuncia di aver ritirato il prodotto e di aver avviato il richiamo dei lotti e invita i cittadini a non comprare o consumare il prezzemolo venduto nei supermercati per il rischio di possibile contaminazione del batterio Listeria Monocytogenes. I lotti che potrebbero essere contaminati, presentano sulla confezione la scadenza con la data del 27 giugno 2015.

L’azienda della città di Riwaka ha riferito che la maggior parte dell’ortaggio è stato coltivato nelle proprie serre, ma alcune partite sono state importate dall’estero per soddisfare la domanda stagionale e l’ortaggio contaminato deriva da uno di questi fornitori.

Per sicurezza la notizia è stata diffusa in rete, perchè il prezzemolo potrebbe essere commercializzato anche in Italia.

Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello Dei Diritti”, avvisa i clienti di prestare attenzione agli acquisti via internet, anche su siti stranieri e negozi online, e dall’acquisto che abbiamo fatto o che faremo nei prossimi mesi.

I prodotti in viaggio verso l’Europa dovrebbero essere già stati bloccati e rimandati indietro, e quindi non dovremmo trovare nei supermercati nessun prodotto, però è sempre prudente effettuare una verifica.

FONTE: http://www.sportellodeidiritti.org/notizie/dettagli.php?id_elemento=4156&i=1&parola_chiave=&data_dal=&data_al=&id_categoria=92