Come scegliere la padella adatta secondo la pietanza che vogliamo cucinare per un risultato perfetto

In cucina non conta solo la materia prima, ma anche e soprattutto come viene lavorata, quindi è importantissimo non rovinare tutta la preparazione con una cottura sbagliata utilizzando pentole e padelle non adeguate.

Ecco una piccola guida per riuscire a destreggiarsi nella scelta della giusta attrezzatura.

scegliere la padella giusta

scegliere-la-padella-giusta

Per prima cosa bisogna distinguere tra pentole e padelle e poi scegliere secondo i materiali. La pentola è un recipiente dai bordi abbastanza alti con due maniglie laterali corte, mentre la padella ha una forma più larga e bordi più bassi ed un solo manico lungo per maneggiarla.

Pentole e padelle sono reperibili in diversi materiali tra cui acciaio inox, rame, ferro, alluminio e alcune con rivestimenti interni in teflon o ceramica. Ciascuno di questi materiali è più adatto per alcuni tipi di cottura rispetto ad altri, vediamo quali sono gli usi ottimali per ognuno.

  • Inox: è il materiale più utilizzato e più resistente ed è adatto alle cotture che prevedono la bollitura o l’uso di acqua, purtroppo tendono a far attaccare i cibi se non si presta attenzione e inoltre possono essere controindicate per chi soffre di allergie ai metalli per la presenza di leghe particolari nella composizione dei rivestimenti. In inox sono realizzate anche le pentole a pressione.
  • Rame: sono tra le pentole più costose perché devono essere rivestite per evitare il contatto del rame con gli alimenti e quindi vanno trattate con molta cura. L’ottima conducibilità del rame permette cotture uniformi e regolari ma la manutenzione è piuttosto complessa (non è consigliato il lavaggio in lavastoviglie).
  • Alluminio: ormai è uno dei materiali meno utilizzati perché non è adatto alla cottura di pietanze con elementi acidi come limone o pomodoro perché potrebbe contaminare gli alimenti, mentre rimane come base per le pentole rivestite all’interno con teflon, un materiale antiaderente che permette di cuocere senza grassi e non fa attaccare le pietanze.
  • Ferro: le padelle in ferro sono utili solamente per le cotture ad alte temperature, come la frittura, ma devono essere lavate e asciugate con cura per evitare che arrugginiscano.
  • Ceramica: le pentole in ceramica in realtà hanno solo il rivestimento interno di questo materiale, sono molto delicate e vanno trattate con cura, ma permettono cotture uniformi e senza rischio di contaminazione e sono ideali per la cucina di tutti i giorni a patto di non utilizzare attrezzi in metallo all’interno di esse.

Ogni tipo di piano cottura è più o meno indicato per l’utilizzo con pentole e padelle di materiale differente, quindi è bene considerare anche questo aspetto prima di valutare l’acquisto di una nuova batteria di pentole.